MUSICALDO
MECHANICAL MUSIC - DIY BUSKER ORGAN
 
 
 
Clicca qui per tornare alla Home Page
 
  Home
 
  Presentazione
del sito
 
  Le sezioni del sito
 
  Costruzione
di un Busker
 
  Linee guida per autocostruttori
 
  Approfondimenti
 
  Link ai fabbricanti
 
  Link al mondo
degli organetti
 
  Bibliografia
 
  Galleria fotografica
 
  Contatti
 
  English version
 
COSTRUZIONE ORGANO BUSKER
Articolo su organetto "Busker" costruito da Aldo Laus su progetto di John Smith
 
Pagina 2 di 7
pagina precedente pagina successiva
Che soluzione ho adottato
 
Sono partito da due depliant di organetti tedeschi che avevo gelosamente conservato da alcuni anni, e di cui avevo assistito alla demo durante una edizione di Musik Messe a Francoforte.

Ho visitato il loro sito WEB ed ho constatato che se avessi voluto acquistare anche il solo kit di costruzione, non avrei potuto cambiare l'automobile alla mia consorte.

Facendo quindi un po' di ricerche su Internet, ho scoperto che esistono dei progetti e dei kit ma in Italia sono difficili da reperire a meno di conoscere la lingua inglese e saper navigare su Internet (ah, dimenticavo di dire che un'altra cosa essenziale per questo hobby, se come me intendete frequentare Internet, è la conoscenza della lingua inglese, altrimenti sarà difficile dialogare con questo mondo, i cui abitanti sono ben felici di corrispondere con i nuovi venuti, tuttavia anche qui basta trovare un amico paziente che vi aiuti).

In Internet si trova tutto, bisogna sapere cosa si vuole cercare e come cercarlo.
 


Tra alcune proposte ho trovato particolarmente interessante un progetto realizzato e proposto da un certo John Smith, un inglese che, dopo aver progettato e costruito artigianalmente un organetto, denominato “busker” ha pensato bene di realizzare un manuale con la descrizione del progetto ed i relativi disegni costruttivi e di proporlo in vendita agli appassionati.

Il Busker è un piccolo organetto, molto semplice, il cui progetto è veramente ingegnoso per le soluzioni adottate che tendono a semplificare al massimo l'architettura della macchina pur offrendo un buon risultato finale nelle prestazioni.
 
L'organetto dispone di 20 note che vengono generate da altrettante canne realizzate in legno di balsa che generano un piacevole insieme di flauti.
I puristi che accettano solo canne in legno di pero sono comunque liberi di realizzare le loro canne in tale modo, migliorando ulteriormente il risultato acustico.

Il successo del Busker di John Smith è stato notevole negli ultimi anni, a giudicare dalla risonanza che si può rilevare nei siti WEB mondiali che si occupano di questi argomenti, al punto da rappresentare ormai uno standard nell'ambiente degli organetti.

In seguito al primo successo l'autore ha poi realizzato altri modelli di organetti più complessi che oggi rappresentano una gamma di 3 progetti.
Incoraggiato dalla popolarità dell'organetto Busker, ho deciso di correre l'avventura e ho acquistato il progetto.

Dopo aver inviato il bonifico di 39 Sterline ho ricevuto una busta che conteneva:

Un manuale con i disegni costruttivi dello strumento, una cassetta VHS che illustra varie fasi della costruzione, un campione del tessuto plastificato suggerito per la costruzione dei mantici (quello che gli inglesi usano per le tende oscuranti, detto comunemente blind), un rullo di carta perforata di prova.

Letto avidamente lo scarno manuale, ho iniziato a pianificare la costruzione, partendo da una considerazione importante: i disegni non sono esaustivi al 100% ma rappresentano una buona traccia per arrivare al risultato finale con l'aiuto del contenuto della cassetta VHS e con una dose di creatività personale.

Ad esempio, non ci sono indicazioni per realizzare il mobiletto esterno dello strumento, il cui progetto è lasciato interamente al costruttore.

Fortunatamente, come sopra accennato, il J.S. Busker è supportato da numerosi appassionati che l'avevano realizzato prima di me e che hanno deciso di mettere a disposizione di tutti le loro esperienze su Internet, quindi è opportuno fare una visita ai loro siti e fare tesoro dei loro consigli.

In particolare si distinguono i seguenti personaggi:

Pete Osborne, Ed Gaida, Gisli Olsen, Gordon Symonds (i cui siti si trovano facilmente con un motore di recerca) e Melvyn Wright www.buskerorgan.com

Quest'ultimo non è un costruttore, ma un arrangiatore che offre musiche per vari tipi di organetti. Nel suo sito ha dedicato una ampia e interessantissima sezione al Busker di John Smith, suddivisa in due parti: una raccoglie gli articoli scritti da numerosi costruttori in merito a suggerimenti costruttivi e migliorie, incluso lo stesso John Smith, l'altra è una galleria di foto inviate da chi ha completato il proprio organetto.

Ce ne sono moltissime e rappresentano un buon stimolo per la creatività nella realizzazione dell'insieme. Io stesso ho dato un contributo che è stato regolarmente pubblicato.

Il Busker è il prototipo della semplicità, è un organetto progettato e da costruire in modo essenziale, supereconomico perché utilizza materiali di uso comune facilmente reperibili ovunque, per dare una buona soddisfazione al costruttore.

Vediamone le caratteristiche:

- Polifonia 20 note (scala Raffin), con un solo ordine di canne

- Canne in legno di balsa

- Lettura del rullo perforato in camera a compressione, con alimentazione diretta della canna, senza valvole

- Sistema pneumatico costituito da 2 mantici contrapposti a 180° che alimentano un reservoir stabilizzato

- Musica su rullo di carta larghezza 14 cm da realizzare e forare a cura del costruttore (da Melvin Wright è disponibile un repertorio di rulli di carta tracciati ma non forati)

Pagina 2 di 7
pagina precedente pagina successiva
 
 
 
 
 
The Crank Organ Ring